• Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Vimeo Icon
  • Grey SoundCloud Icon

www.compagniadellaquarta.it © 2015 - creato da Andrea Rizzi e Mario Coccetti con wix.com

    P.I. 02276331200 – C.F. 91221360372

Politica di privacy

OTTOBRE 2015 - Copy & Paste

October 14, 2015

 

 

Quella mattina uno spensierato Lucio Fontana(*) attraversando la città di Varese, si presentò dal direttore del museo con una tela sottobraccio sulla quale aveva fatto un bel taglio verticale. Il direttore, senza riuscire a spiegarselo, rimase esterrefatto da quell’opera così insolita ed originale.

 

Decise immediatamente di esporla nella sala principale, cosicché tutta la clientela potesse ammirare quell’opera così semplice ma piena di attrattiva.

 

I curiosi e i clienti non tardarono ad arrivare e provarono nei confronti dell’opera d’arte una serie di emozioni inspiegabili, contrastanti eppure meravigliose. Non mancarono anche coloro che schernirono il lavoro, adducendo il fatto che tutti sarebbero stati in grado di tagliare una tela in quel modo.

 

A ragione di questa teoria, il giorno dopo un tale Annibale Pedrini si presentò al museo e pretese di essere anch’egli esposto. Il direttore del museo, che non era famoso per il suo pugno forte, pensò che forse avere due quadri uguali avrebbe portato più denaro nelle casse del museo. E così accadde. Per un po’ le persone continuarono ad ammirare un quadro e poi l’altro, cercando di coglierne le differenze, che pur si notavano in quella apparente somiglianza. Il terzo giorno, però, arrivò il signor Piernicola Vincenti che fece carte quarantotto nelle scale dell’edificio del museo, fino a quando il direttore non si piegò alla richiesta del signor Vincenti ed espose il suo quadro nella stessa sala del Fontana e del Pedrini.

 

A questo punto, le persone presenti cominciarono a guardare con sospetto le tre opere, ma la situazione non cambiò di molto, poiché le opere erano così simili, anche se evidentemente diverse, che si poteva comunque pensare di farle convivere nello stesso spazio.

 

Il vero disastro arrivò poi quando il dottor Faustini, il geometra Furlani, l’avvocato De Maveris e la vicesindaco Gisella Gisberti non decisero che la capacità di quel rimbecillito del Fontana, che tra l’altro non aveva neanche un titolo universitario, l’avevano anche loro, e che quindi il museo non poteva esimersi dall’ospitare i loro tagli su tela.

 

E così il pavido direttore del museo fece. Li ospitò tutti, senza distinzione, perché pensò che, se un quadro con uno squarcio aveva fatto alzare il fatturato di molto, molti quadri lo avrebbero fatto alzare di moltissimo.

 

Dunque, senza nessun ritegno, ospitò gli squarci del Papetti, del Fucchioni, della Siligardi, della Bajol, del Bortolazzi e di Pepo il Grigio. Nel giro di poche settimane, il museo straripò di tele e tele con squarci di ogni tipo: laterali, trasversali, verticali e ogivali, ma per la grande, imprevista produzione non fu più possibile associare ad ogni quadro il nome dell’effettivo esecutore. Ma la cosa non si fermò qui, perché tutti, nella splendente città di Varese, si sentirono in dovere di produrre il proprio squarcio su tela e di essere esposti. A quel punto la sala del museo non era più in grado di contenere neanche uno spillo, tanti erano i quadri esposti e ammassati uno sull’altro nella sala grande. Il tumulto e il malcontento di tutti i cittadini andavano a coprire la voce del direttore del museo, che implorava i suoi clienti di restare calmi e di non spingere per non rovinare il capolavoro del Fontana.

 

La questione, però, era che tra tutta quella confusione e con tutte quelle tele squarciate diventava veramente difficile riconoscere l’originale dalla copia, non tanto per la perfezione della riproduzione dell’opera, che a ben guardare manteneva sempre una purezza rispetto alle innumerevoli altre copie, ma perché in quel caos il valore delle cose era andato perduto e ciò a cui i clienti si erano più affezionati non era tanto la virtù stessa dell’opera, quanto la necessità di prevalere, intellettualmente parlando, rispetto al vicino di casa.

 

Fu inevitabile, quindi, che tutti iniziassero a urlare e berciare improperi, a bistrattare e maledire l’arte, poiché si sentivano ingannati per via del fatto che l’arte aveva portato scompiglio nelle loro vite e, per di più, non avrebbe mai contribuito ad un miglioramento della loro situazione economica.

 

In questo putiferio fatto di copie carbone di artisti e di quadri, un tipo dall’aria svampita aveva iniziato a tingere con dei colori a cera le pareti del museo, incurante di tutto quello che gli succedeva intorno. L’effetto fu quello di una magia. I clienti si calmarono, il direttore del museo si commosse e persino quel cuore di pietra del Lupacci provò un sentimento positivo. Il silenzio scese nella stanza, nel cortile, nelle strade, nel quartiere e in tutta la città di Varese, che si immobilizzò in uno stato di quiete totale, attenta ad osservare i movimenti, le proporzioni e il senso tutto nuovo di questa inaspettata opera.

 

 

 

(*)

ATTENZIONE: la storia di Lucio Fontana riportata in questa mail è frutto di fantasia. Non lo è invece il risultato che ne consegue.

 

 

 

 

 

 

 

 

Squarciando una tela si trovano nuovi orizzonti ed in questi nuovi mondi ci adopereremo per sviluppare i nostri progetti: tra pochi giorni, il 18 ottobre, saremo in scena con ITALIANOPOLIS al teatro Troisi di Nonantola (MO). Lo spettacolo è inserito nel cartellone del Club dei Cattivi Maestri e racconta di come in Italia l’arte sia considerata alla stregua di una scatola di tonno da vendere in maniera seriale.

 

 

ITALIANOPOLIS – Studio per una improbabile trilogia sulla disfatta del teatro contemporaneo.

 

Con Andrea Cocelli, Simar Monitz, Florian Molytaci e con la partecipazione straordinaria dell'effetto speciale Heather Proklyevjevic.

 

Visita il sito

Video promo 1

Video promo 2

 

 

 

 

 

Il 24 ottobre saremo di nuovo in scena ad Altedo (Malalbergo, BO) nella quasi omonima rassegna teatrale: aRtedo. L’appuntamento è per le ore 21.15 presso l’Auditorium dove presenteremo Good People, una commedia esilarantemente divertente in cui quattro persone "comuni" rimangono intrappolate nell’ascensore di un condominio e dal quale non potranno uscire senza aver rivelato inconfessabili e incredibili vite segrete strettamente legate una con l’altra.

Good People rientra in "Altra Quarta", progetto parallelo alla principale attività della Compagnia della Quarta, nel quale vengono privilegiati la parola e il testo drammaturgico.

 

 

 

GOOD PEOPLE

di Andrea Rizzi,

con Brunella Zaccherini, Valentina Bressanin,

Alessandro Migliucci, Fabrizio Molducci.

 

Ingresso gratuito

 

 

 

 

 

 

Ci sentiamo tra un mese. Nel frattempo seguiteci sul nostro sito, facebook e twitter: ci saranno molte novità e nuovi mondi da scoprire.

  

 

 

 

 

Hasta luego ! 

 

 

  

Visita www.compagniadellaquarta.it

Facebook Compagnia della Quarta

Twitter Compagnia della Quarta

Flickr Compagnia della Quarta

 

 

 

Please reload

Post in evidenza

Un naso rosso per tutti

December 21, 2016

1/10
Please reload

Post recenti

December 21, 2016

August 17, 2016

February 9, 2016

Please reload

Archivio