L'intenzione è la parte più importante dell'azione

 

 

Prima di fare qualunque operazione è necessario pensare di fare quella determinata azione.

 

Accendere una abat-jour significa, prima di tutto, avere l'intenzione di fare luce dentro la camera, la cucina o dentro il bagno. Senza un'intenzione precisa non è possibile ottenere nessun risultato, perché il corpo non si attiverebbe senza una buona ragione per agire.

 

 

 

Questa considerazione vale sia per le azioni semplici che per le azioni complesse, come ad esempio scrivere libri, aprire una pizzeria o organizzare un lungo viaggio. Con la giusta intenzione niente è impossibile, anche se gli obiettivi sono distanti e difficili da raggiungere.

 

La cosa più importante, quindi, è fare un'azione e avere prima di tutto l'intenzione e la volontà di fare quella determinata operazione, perché senza di essa qualunque attività si riduce al nulla.

 

 

 

Le nostre intenzioni sono chiare: costruire percorsi che abbiano un significato e un rapporto diretto con la realtà circostante, per questo motivo il nostro sguardo è rivolto sempre all'attualità e alle condizioni che gli esseri umani vivono ogni giorno.

 

Anche le nostre azioni sono concrete: creare progetti in cui riconoscersi e in cui sviluppare un punto di vista personale, unico e di valore.

 

 

 

 

 

 

 

Per questo DIACRONICO continua il suo percorso.

 

A partire da giugno fino a settembre 2016 saremo presenti a Bologna, Milano e Roma per lo studio e l’allestimento di due focus: la diversità e la ricostruzione. La cittadinanza e gli operatori del settore saranno invitati a seguire il progetto per commentarlo, condividerlo e migliorarlo secondo la loro esperienza di vita.

 

 

 

Seguite la crescita del progetto sulla pagina facebook con un “Mi piace”.

 

facebook: https://www.facebook.com/diacronicoproject/

 

sito: http://www.diacronico.org/

 

blog: http://weirdoilfreak.blogspot.it/

 

 

 

 

 

 

 

Vi ricordiamo inoltre che la Compagnia della Quarta sostiene il docufilm The Harvest, documentario sul caporalato agricolo, che vede coinvolti lavoratori sfruttati nei campi di raccolta e che vengono impropriamente dopati per aumentare la produttività dell'azienda agricola.

 

 

 

 

La SMK Video Factory ha avviato un percorso di crowdfunding per la coproduzione popolare su Produzioni dal basso, chi vuole può contribuire secondo la sua possibilità accedendo a questo link.

 

 

 

 

 

Hasta luego ! 

 

 

 

  

Visita www.compagniadellaquarta.it

Facebook Compagnia della Quarta

Twitter Compagnia della Quarta

Vimeo Compagnia della Quarta

 

 

 

Please reload

Post in evidenza

Un naso rosso per tutti

December 21, 2016

1/10
Please reload

Post recenti

December 21, 2016

August 17, 2016

February 9, 2016

Please reload

Archivio